Date a Cesare quel che è di Cesare

Mandatory Credit: Photo by Startraks Photo/REX (1439682w) Lonnie Ali, Maryum Ali and Muhammad Ali 4th Annual Life Changing Lives Benefit Honoring Muhammad Ali, Los Angeles, America - 11 Sep 2011 4th Annual Life Changing Lives Benefit Honoring Muhammad Ali, City National Grove of Anaheim, California

 

 

Germana Urbani >[email protected]<

 

Mentre andiamo in stampa arriva la notizia che potrebbero partire a giorni i lavori per costruire una barriera anti profughi al Brennero. Finisce così il sogno di un’Europa unita e libera, il sogno di un continente forte e generoso, capace di lanciare al mondo un messaggio intriso di coraggio e solidarietà. Il mondo è cambiato, dicono in molti, occorre tornare indietro, marcare i confini, respingere gli invasori!

 

Non siamo in guerra eppure l’Europa ha paura: teme lo straniero, il migrante, il terrorista, l’islam; e non fa nulla per nasconderlo.

 

Peccato, forse un atteggiamento diverso sarebbe più redditizio, forse tornare indietro e irrigidirsi su posizioni difensive anziché inclusive non è sempre la soluzione migliore. Certo in molti pensano il contrario.

 

E così, nuove barriere, religiose questa volta, si alzano anche in Veneto.

 

Da pochi giorni è stata varata la cosiddetta legge anti moschee.

 

Una norma che riordina, nelle intenzioni, le regole in merito ai luoghi e alle pratiche di culto ma che, nei fatti, obbligherà buona parte delle moschee sorte in regione a chiudere i battenti.

 

Un’altre barriera che si alza, dunque, nel nome della sicurezza e del controllo.

 

Ci farà bene?

 

Molte delle sale di preghiera islamiche nate nei nostri paesi in tanti anni di presenza musulmana sono gestite da associazioni e si trovano fuori dalle zone F dei vecchi piani regolatori.

 

Cosa decideranno di fare i sindaci per mettere ordine su quanto c’è di ormai consolidato nei propri comuni?

 

Come si comporteranno coloro che, volendo riunirsi in nome del proprio dio, chiederanno l’autorizzazione al sindaco e questi gliela negherà?

 

Le guerre di religione, insegna la Storia, sono sempre sanguinose e insensate. E’ per questo che la libertà di culto è garantita dalla nostra carta costituzionale.

 

Pensiamoci.

Precedente Votare Successivo Ma il suolo non è una risorsa inesauribile