Eutanasia

32

 

In questi giorni hanno applicato l’eutanasia in Belgio, a un 17enne malato terminale. Leggo sul Mattino di Padova che la Chiesa ha condannato il fatto, primo caso al mondo riguardante un minore, e quindi balza agli occhi della nostra attenzione la questione “eutanasia sì / eutanasia no”.

Non è facile per noi risolvere una volta per tutte la questione “eutanasia sì / eutanasia no” perché ci troviamo ad avere a che fare con la morte.

Anche aborto e pena capitale ci mettono con le spalle al muro con la morte di fronte.

Personalmente sono favorevole ad aborto e ad eutanasia ma tali istituti devono a mio avviso essere controllati con la massima attenzione. C’è da capire se si tratta di applicare l’eutanasia frequentemente anche ai minori oppure no, fra le altre varie problematiche da valutare.

Sulla pena di morte, piuttosto, si sente dire spesso che ci vorrebbe in Italia. Bene, tenete presente che se venisse applicata da noi italiani, la nostra nazione uscirebbe dalla Ue.

Negli States la pena capitale purtroppo viene applicata in molte parti e spesso, e una persona di colore ha più probabilità di essere condannata piuttosto che un bianco ancora oggi, ma forse con una percentuale inferiore rispetto al passato.

Credo che le nostre società debbano fare ancora molti passi avanti nel cammino della civiltà, certamente per quanto concerne l’eutanasia, ma anche e non solo per l’aborto e la pena di morte.

 

Fabio Benetti, 18 settembre 2016

Precedente Corrispondenza: Una sintesi delle attività ad oggi di "Riparte il futuro": dove sono stati e dove vogliono andare Successivo Riguardo alla caccia