Italiani spaghetti mafia e mandolino

Arriva l’anniversario della strage di Capaci ed esce un’inchiesta del Centro Studi Pio La Torre: un giovane su due pensa che la mafia sia più forte dello Stato, 3 studenti su 4 ritengono che la presenza mafiosa incida molto o abbastanza sull’economia della regione, e solo una minoranza ritiene che la criminalità organizzata possa essere sconfitta. La domanda è crudele ma necessaria: Falcone e Borsellino sono morti per niente? Hanno perso? L’Italia è in mano al malaffare, alla corruzione, all’anti-Stato? Io voto per primo e voto Sì.

 

 

Ferdinando Camon, Facebook, 19 maggio 2017

Precedente Lavoro negato e reddito di cittadinanza: le frontiere del XXI secolo Successivo Rifiuti: un problema che ci riguarda tutti