La prescrizione, salvagente dell’ex cavaliere e di altri

bilanciaDovrebbe essere ormai fatto risaputo e di pubblico dominio in modo indiscutibile che la stragrande maggioranza dei processi indetti a carico dell’ex cavaliere si è ingiustamente risolta con la prescrizione e quasi mai con l’assoluzione, da cui anche un ragazzo di 17 anni ma anche meno dovrebbe col ragionamento riuscire a capire che l’ex cavaliere innocente non lo è stato quasi mai, ma se questa faccenda della prescrizione somigliasse nelle sue traversie alla faccenda del Porcellum, e cioè di come l’ex cavaliere e i suoi seguaci siano riusciti a rovinare le elezioni agli italiani, allora è il caso di riparlarne.

Ed infatti c’è chi si dà da fare riguardo alla prescrizione per cui mi è giunta una mail che recita così:

“In questi giorni si sente tanto parlare di riforma della prescrizione, ma spesso in modo confuso. È vero che un indagato per corruzione su 10 si salva con la prescrizione? Come possiamo fare chiarezza?
In questo breve video ti raccontiamo alcuni miti da sfatare e le nostre due semplici proposte, già sottoscritte da oltre 100.000 persone, per fare in modo che i corrotti non sfuggano più alla giustizia.
Guardalo per informarti meglio e spargi la voce fra tutti i tuoi amici.”
Ritengo che sia degna di nota e cerco di divulgane il contenuto il più possibile nei limiti dei miei mezzi.
(Fabio Benetti, 1 febbraio 2017)
Precedente Capodanno cinese 2017 Successivo Ancora pesticidi? Purtroppo sì