L’Amaca: Bernie Sanders, Hillary Clinton: tra speranza e realtà

LAS VEGAS, NV - MAY 05:  Democratic presidential candidate and former U.S. Secretary of State Hillary Clinton speaks at Rancho High School on May 5, 2015 in Las Vegas, Nevada. Clinton said that any immigration reform would need to include a path to "full and equal citizenship."  (Photo by Ethan Miller/Getty Images)

(Michele Serra, la Repubblica, 3 marzo 2016)

 

 

 

BERNIE Sanders è magnifico. Mite, spiritoso, profondo, ambientalista, perfino socialista. Hillary Clinton nessuna di queste cose. E’ solo una intelligente, affidabile, bene introdotta professionista della politica, estera in particolare. Come tutti o quasi i progressisti del mondo, in tutte o quasi le elezioni del mondo, i democratici americani devono scegliere tra un candidato entusiasmante, ma troppo radicale per la media dell’opinione pubblica e quasi sicuramente perdente nello scontro finale per la Casa Bianca, e un candidato probabilmente vincente (perché non radicalizza il conflitto sociale) ma di scarso appeal ideale (perché non radicalizza il conflitto sociale). La necessità di battere Trump, qualora conquisti la nomination repubblicana, rende ancora più grande la responsabilità della scelta.

 

Fossi americano non saprei che pesci pigliare. Probabilmente alla fine voterei Hillary, senza entusiasmo e con il cuore per Bernie. Tutto, pur di non vedere Trump diventare capo del mondo. Ma c’è da domandarsi – americani, italiani e altri – se questa scissione tra sconfitta virtuosa (Sanders) e vittoria viziata da compromessi e moderatismo (Clinton) sia, per la sinistra, una eterna condanna; oppure se esista una maniera di ricucire, prima o poi, il doloroso strappo tra speranza e realtà.

Precedente Nel Regno Unito sono benvenuti solo gli immigrati ricchi Successivo Gli ultimi giorni dell'Europa