Obama perde sul clima

Dall’“Internazionale” n. 1140, 12 febbraio 2016

washington

Il 9 febbraio la corte suprema ha bloccato il piano del presidente Barack Obama per ridurre le emissioni di anidride carbonica del 32 per cento entro il 2030. I giudici hanno stabilito che non potrà essere applicato fino a quando non saranno risolte le controversie giuridiche in corso in vari stati. Il progetto è alla base dell’impegno preso dagli Stati Uniti nella conferenza sul clima di Parigi di dicembre. Molti stati e alcune aziende hanno fatto ricorso in tribunale sostenendo che la legge violasse i diritti degli stati. “Questa decisione è una sconfitta per Obama”, scrive il Washington Post. “Il suo piano non entrerà in vigore prima della fine del suo mandato, e il futuro presidente potrebbe decidere di non sostenerlo”.

Precedente Un altro tono Successivo E' facile per i ragazzi ricchi rompere le regole