Rifiuti: un problema che ci riguarda tutti

Ogni volta che percorro una strada e vedo sul bordo ogni genere di rifiuto, dalle lavatrici scassate a sacchetti di residui domestici deliberatamente abbandonati, provo rabbia e sconforto. Rabbia perché nel 2017 in Italia non è possibile che ci siano ancora persone così indifferenti al decoro del paesaggio che vedi fuori dalla tua auto! Accidenti, è da cinquant’anni che si fa educazione contro l’abbandono dei rifiuti: nel dopoguerra poteva essere giustificata una certa ignoranza, dato l’avvento delle materie plastiche con le quali non c’era ancora familiarità, ma oggi? Provo sconforto perché i rifiuti si disperdono ovunque, e quelli non biodegradabili, che ormai sono la maggioranza, impestano in modo irreversibile l’ambiente ipotecando la salute nostra e delle generazioni future.

Questo aspetto sfugge alla maggior parte delle persone: di rifiuti si muore, un avvelenamento lento ma inesorabile che passa nell’acqua e nei cibi. La plastica e le vernici contengono additivi come gli interferenti endocrini che pian piano vengono rilasciati nei suoli e nelle falde idriche, metalli pesanti sono spesso presenti in apparecchi elettronici e batterie, perfino un semplice scontrino fiscale di carta termica contiene bisfenolo A, abbandonato a terra in breve viene frantumato e disperso in particelle invisibili ma tossiche per la vita animale, noi inclusi, sotto forma di disturbi ormonali. Ogni volta che un rifiuto in apparenza innocuo è abbandonato nell’ambiente, sappiate che al di là del sia pur importante fastidio estetico, si innesca una lunga catena di conseguenze biochimiche irreversibili che può durare secoli e tornare indietro come un boomerang nel nostro piatto.

Vediamo dunque le soluzioni: prima di tutto gettare i rifiuti sempre negli appositi contenitori, facendo una scrupolosa raccolta differenziata e portando agli ecocentri gli ingombranti (come vecchi mobili o grossi elettrodomestici) o gli speciali (come residui di vernici od olii esausti e batterie). I piccoli apparecchi elettrici (come un frullatore) o elettronici (come un telefonino) sono oggi raccolti direttamente presso i punti vendita superiori ai 400 metri quadri (normativa RAEE – Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche): c’è l’obbligo di ritiro dell’usato quando si acquista il nuovo (uno contro uno), ma pure se non si acquista nulla (uno contro zero). E per i rifiuti organici di cucina, chiunque abbia anche soltanto un piccolo pezzo di giardino od orto faccia il compost, che in pochi mesi trasformerà bucce di patata e torsoli di mela in ottimo fertilizzante, mentre in città la raccolta porta a porta dell’umido si incaricherà di smaltirlo negli impianti di compostaggio. E’ importante che l’organico sia puro e raccolto in sacchetti di carta o di plastica compostabile, altrimenti si avrà un fertilizzante inquinato! Tuttavia il cuore della questione rifiuti è che ne produciamo troppi: in Italia circa 500 kg per persona all’anno, quasi un chilo e mezzo al giorno! La maggior parte sono imballaggi. Quindi in attesa che l’industria continui a ridurre la produzione all’origine, ricordiamo che anche la nostra scelta all’acquisto può fare la differenza (e poi la differenziata …).

 

 

(Luca Mercalli, climatologo, rivista soci Coop, maggio 2017)

Precedente Italiani spaghetti mafia e mandolino Successivo Il killer e le pistole pronte a sparare